Tagliaerba a scoppio, elettrico o a batteria? Il confronto

Scegli il migliore per il tuo giardinaggio

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

22/06/2021

Tempo di lettura stimato circa 5 minuti

Fra tutti gli attrezzi da giardinaggio avrai notato come, di solito, quelli dedicati al taglio dell’erba siano i più sfruttati. Tra tagliaerba, decespugliatori, trattorini e trinciasarmenti hai l’imbarazzo della scelta: si tratta di capire cosa fa per te in base alle caratteristiche del terreno che sfalci, al tipo di vegetazione, alla frequenza con cui tagli, al contesto e così via.

Oggi ci concentriamo sul principe degli attrezzi da giardinaggio: il tagliaerba. Qual è il migliore? Probabilmente conosci già la nostra risposta: dipende. Quindi, vediamo insieme quale tagliaerba scegliere tra modelli a scoppio, a batteria o elettrici.

Tagliaerba: quale scegliere e come?

L’acquisto di un tagliaerba parte da una decisione di base: il tipo di motore. Dunque tagliaerba a scoppio, elettrico o a batteria? È il motore il punto di partenza perché proprio dal tipo di alimentazione derivano a cascata una serie di variabili da considerare per il tosaerba: anzitutto la potenza, ma anche avviamento, ergonomia e – questione tutt’altro che trascurabile – manutenzione. Vediamo in dettaglio.

La potenza del tagliaerba è direttamente proporzionale alle sue perfomance. Con un tagliaerba potente affronti senza difficoltà vegetazione coriacea, prati ampi e terreni difficili (in pendenza e/o sconnessi). In questi casi ti consigliamo un tagliaerba a scoppio professionale come il MAX 53 TK ALUMINIUM PRO di Oleo-Mac.

Se in linea di massima i tagliaerba a scoppio sono più potenti rispetto ai tosaerba a batteria e a quelli elettrici, è vero che li trovi in una varietà di modelli tale da soddisfare qualunque esigenza. Non solo professionali, ma anche modelli essenziali come i tagliaerba a spinta – ad esempio il G 44 PK COMFORT PLUS per prati piccoli e medi – più, naturalmente, tutta una serie di soluzioni intermedie: dai un’occhiata al catalogo dei tagliaerba a scoppio Oleo-Mac.

L’avviamento del rasaerba può essere a strappo – il sistema classico dei tagliaerba a scoppio – oppure elettrico. In quest’ultimo caso, per accendere il tagliaerba ti basta un pulsante: è tipico dei tagliaerba elettrici e a batteria, ma anche dei tagliaerba a scoppio con avviamento elettrico come il G 53 TKE COMFORT PLUS. Facile e veloce da mettere in moto senza sforzo, è pensato proprio per chi preferisce un rasaerba a scoppio ma non ha dimestichezza con il tradizionale avviamento a fune.

A proposito di usabilità, l’ergonomia del tagliaerba si traduce, nel concreto, in aspetti come il peso, l’ingombro e la rumorosità. Tieni conto di quest’ultima anche in rapporto al contesto, specie se è residenziale. I tosaerba a batteria in particolare, ma anche i tagliaerba elettrici, sono le macchine più silenziose.

La manutenzione dei tagliaerba elettrici e a batteria consiste nel verificare che il filo e le batterie siano integri e – come per tutti i tipi di tagliaerba – nel pulire e controllare la scocca, le prese d’aria per il raffreddamento del motore, il sottoscocca e le lame, il sacco raccoglierba.

Per i tagliaerba a scoppio la manutenzione risulta più impegnativa: ad esempio c’è da pulire il filtro dell’aria e le alette del cilindro, da verificare la candela e da cambiare l’olio del motore. Puoi approfondire qui, nel nostro blog, come fare la manutenzione del tagliaerba.

Nella scelta del migliore tagliaerba per il tuo giardinaggio fai attenzione anche a:

  • Sistema di avanzamento: può essere a spinta – come nel tagliaerba elettrico G 44 PE COMFORT PLUS – o a trazione, come quello del tagliaerba semovente a scoppio G 48 TK COMFORT PLUS o del tosaerba a batteria Gi 48 T. In tema puoi leggere questo articolo sul funzionamento dei tagliaerba semoventi, indispensabili per sfalciare sia superfici molto ampie che terreni accidentati o in salita.

  • Caratteristiche connesse al taglio: larghezza di taglio del tosaerba (va di pari passo con la velocità di lavoro ma anche con l’ingombro), regolabilità dell’altezza dell’erba, sistema di scarico dello sfalcio (posteriore/laterale), capacità del cesto di raccolta, disponibilità del taglio mulching.

  • Materiali della scocca, delle lame, delle ruote, dei vari componenti meccanici e non: che si tratti di polimeri sintetici o metalli – in base al modello di rasaerba e al suo costo – va da sé che robustezza e durabilità siano l’imperativo.

Tutte queste considerazioni su come e quale tagliaerba scegliere vanno messe sul piatto della bilancia a confronto con le tue esigenze pratiche:

  • Dimensioni e caratteristiche della superficie da sfalciare: è un piccolo giardino di erba all’inglese o un esteso terreno incolto accidentato e in pendenza?

  • Caratteristiche della vegetazione da tagliare: si tratta di erbetta, erba alta e resistente, infestanti o altro? Se ti trovi a pulire rovi, arbusti medio-piccoli, canne, resti di coltivazione o di potatura, ti consigliamo di impiegare un decespugliatore a scoppio professionale o un trinciasarmenti (ecco quando è meglio ricorrere al trinciasarmenti per lo sfalcio dell’erba).

  • Esigenze di taglio: si tratta di una superficie da tenere sempre in ordine, da regolare ogni tanto – come il prato della seconda casa – o da pulire un paio di volte all’anno?

  • Ambiente: lavori in città o in campagna? Ci sono abitazioni intorno? È un luogo servito dalla rete elettrica o un punto isolato?

Dunque, tagliaerba elettrico o a scoppio o a batteria?

I tosaerba a batteria e i tagliaerba elettrici sono perfetti se hai un prato regolare, in piano o – secondo la potenza del modello e il sistema di avanzamento – anche in pendenza. Come dicevamo all’inizio, è la potenza di cui hai bisogno a indirizzarti verso il modello giusto per le tue esigenze, in rapporto al tipo di erba che sfalci e alle caratteristiche del terreno su cui lavori.

In base al loro peso e ingombro, i tagliaerba a batteria (così come quelli a scoppio) sono più o meno maneggevoli, quindi adatti per aggirare facilmente eventuali “ostacoli” presenti in giardino, come alberi, aiuole, arredi da esterni etc. Con i tagliaerba elettrici devi avere nelle vicinanze una presa della corrente a cui collegare il cavo di alimentazione, che va tenuto d’occhio e accompagnato via via che tagli.

Rispetto ai tagliaerba a scoppio, quelli elettrici e a batteria sono più silenziosi, non emettono gas di scarico, ti facilitano l’accensione e le operazioni di manutenzione e non hanno bisogno di carburante per fare rifornimento. Infatti, con le macchine a batteria lavori in modo continuo, senza preoccuparti del filo, fino al momento di sostituire la batteria quando è scarica: è questione di un attimo.

Ad esempio, con il tosaerba a batteria semovente Gi 48 T – di serie con 2 batterie da 5 Ah e caricabatteria rapido – sfalci in maniera impeccabile fino a 500 m² di prato e hai un tempo di ricarica di appena 70 minuti. Con il modello a spinta Gi 44 P l’autonomia di taglio sale a 700 m². Le batterie Oleo-Mac sono intercambiabili, vale a dire che puoi usarle su tutte le macchine a batteria, indipendentemente dal tipo: non solo tagliaerba ma anche decespugliatore, tagliasiepi o soffiatore. Quindi se hai già le nostre batterie, puoi acquistare il tagliaerba da solo, a un prezzo più conveniente.

Vuoi approfondire il tema dell’autonomia degli attrezzi da giardinaggio a batteria? Ne parliamo in questo articolo su quanto puoi lavorare con una batteria in giardino.

Hai ancora qualche incertezza su quale tagliaerba scegliere? Consulta anche la guida all’acquisto speciale tagliaerba: trova il modello giusto per te.

Articoli correlati

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

22/09/2021

Giardino: tutti i lavori di ottobre

Prepara aiuole, prato e orto per l’inverno

Leggi tutto

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

22/09/2021

Come fare manutenzione a un'idropulitrice

I consigli per usarla bene e per sapere quali controlli fare

Leggi tutto

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

05/08/2021

Curare l'orto con trattamenti naturali

Difendi i tuoi ortaggi dai parassiti

Leggi tutto