3 segreti per usare il tuo decespugliatore come un vero professionista

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

13/09/2018

Tempo di lettura stimato circa 2 minuti

Tutti gli appassionati del verde sanno che il decespugliatore è un attrezzo indispensabile per rifinire i bordi dei prati, degli orti e delle scarpate, per rimuovere rovi o rasare pascoli e aiuole.

Molti però ancora ignorano come sfruttarne appieno le funzionalità, operando in modo sicuro ed efficace. Quali sono quindi i 3 segreti per usare questa macchina come un professionista e ottenere il massimo del risultato? Vediamoli insieme.

 

1. Scegliere la macchina più adatta al terreno

Non si può pretendere il massimo da un decespugliatore, se prima non si è certi di aver acquistato il modello più adatto al nostro tipo di attività.

Come abbiamo visto nei mesi scorsi, la testina del decespugliatore gioca un ruolo determinante nella scelta del dispositivo da adottare. (vedi: Decespugliatore: disco o filo?).

Anche se esiste un filo del decespugliatore per rovi, in linea di massima si tende a preferire i decespugliatori elettrici a filo come il TR 91 E, per rifinire il prato del giardino o per il taglio di arbusti fini, mentre si utilizzano i decespugliatori professionali come il BC 400 S con testina a disco per intervenire sulle aree dove la vegetazione è più fitta.

Se come in quest’ultimo caso ti ritrovi ad operare su aree incolte, ti consigliamo di montare un disco per decespugliatore a 3 denti sulle macchine più grandi e uno a 4 denti su quelle piccole.

Se a casa poi possiedi una macchina a scoppio, prima di procedere con la rasatura, ricordati di verificare che la lama del decespugliatore sia quella più adatta alle tue esigenze.

2. Eseguire il movimento giusto

Usare un decespugliatore professionale in ogni caso non basta a ottenere un taglio pulito.

Se vuoi tagliare in modo uniforme i bordi infatti, devi cercare di inclinare il decespugliatore in modo che colpisca il tappeto erboso con una lieve angolazione. Questo ti permette di creare un piacevole effetto sfumato, senza il rischio di creare difformità tra diverse zone di prato.

Quando incontri ostacoli, come passerelle e recinzioni, ricordati di inclinare il decespugliatore, posizionando il filo in verticale e di camminare lungo il percorso di taglio.

Se infine l’ostacolo non è raggirabile o l’erba è molto alta, muovi la macchina in modo da disegnare delle “U” in orizzontale, cercando di sovrapporre poco a poco il perimetro di taglio a quello precedente, per non creare buchi. 

L’erba del tuo giardino è già bassa? Allora puoi limitarti a rifinirne i bordi, alternando semplici movimenti avanti e indietro.

3. Regolare l’accelerazione

Il decespugliatore a filo sfrutta la tensione originata dalla rotazione ad alta velocità del filo per generare l’energia necessaria a tagliare l’erba. Più le estremità del filo si muovono velocemente, migliore sarà la precisione e l’efficienza del taglio.

È quindi molto importante dare gas per accelerare la lama prima di ogni taglio e decelerare alla fine di ogni falciata, onde evitare di sollecitare troppo il motore. Tutte queste operazioni vanno svolte soltanto dopo che la lama ha raggiunto una buona velocità di rotazione.

 

Articoli correlati

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

07/11/2018

Come preparare la miscela della motosega

Leggi tutto

Mondo Oleo-Mac / Eventi

08/10/2018

Oleo-Mac parteciperà a EIMA INTERNATIONAL 2018

Il futuro, presente.

Leggi tutto

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

08/10/2018

Ecco perché la tua motosega si ingolfa e non taglia

Leggi tutto