Qual è la differenza fra una pompa irroratrice e un atomizzatore a spalla

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

18/06/2018

Sottoporre le piante a trattamento è un’operazione indispensabile da svolgere durante la stagione estiva, per scongiurare la comparsa di malattie e preservare l’integrità delle piante e del raccolto.  Per farlo al meglio è importante scegliere gli strumenti adatti. Tra questi i più utilizzati sono sicuramente la pompa irroratrice e l’atomizzatore a spalla. Vediamo insieme quali sono le loro principali funzioni e differenze.

 

Pompa irroratrice per diserbare e nutrire le piante

Le pompe irroratrici sono indicate per raggiungere zone che necessitano di trattamenti specifici, come per esempio quelli a base di diserbanti e sono utilizzabili anche per irrorare e nutrire le piante. Lo zaino ergonomico di cui sono dotate le rendono uno strumento pratico e agevole da indossare, indicato sia per il professionista, sia per chi ha a cuore il proprio verde.

 Come accade per la maggior parte dei dispositivi usati in giardino, anche in questo caso esistono diversi modelli e funzionalità: le pompe irroratrici manuali sono indicate in caso di utilizzo di antiparassitari, fertilizzanti o pesticidi: trattamenti con liquidi poco aggressivi e nebulizzazioni di vario genere sono le principali destinazioni d’uso. Le pompe irroratrici elettriche sono invece adatte a spazi per più estesi, come vigneti o orti che, per esempio, possono richiedere una disinfestazione. Le pompe irroratrici a scoppio infine - grazie alla potenza del motore – sono particolarmente apprezzate dai professionisti per l’elevata capacità irrorante e per la compattezza che solitamente le caratterizza.


Tra quest’ultime troviamo Il modello a spalla SP 126, pensato per un utilizzo con trattamenti a base di diserbanti o nutrienti per il verde. Ideale per un uso continuativo e dotato di pistoni cromati e pompa in ottone, assicura estrema resistenza e durata nel tempo.
 

L’ampio serbatoio e il motore a basso consumo consentono un utilizzo continuativo e costante dello strumento, senza spiacevoli interruzioni. La pressione del getto è regolabile manualmente secondo le proprie necessità e le diverse lance a disposizione consentono di usufruire di molteplici getti, che garantiscono un’ampia nebulizzazione anche per gli spazi più estesi.

 

Atomizzatore a spalla per una disinfestazione ad ampio raggio

Gli atomizzatori a spalla sono invece indicati in caso di disinfestazione e trattamenti di ampi appezzamenti di vegetazione, vigneti o orti.

Anche questa categoria è caratterizzata da uno zaino ergonomico che, indossato, bilancia il peso e assicura confort e mobilità a chi lo utilizza. I comandi presenti sull’impugnatura permettono di gestire la macchina in poche e semplici mosse, il motore a scoppio si aggira tra i 60 e gli 80 cm³ ed è presente un doppio filtro di carta, indispensabile per gli utilizzi prolungati. I modelli MB 800 e MB 90 hanno in dotazione un carburatore con compensatore, per agevolare qualsiasi tipo di situazione.

 

 

 

Atomizzatore MB 90: ergonomia e maneggevolezza anche ad alta quota

L’atomizzatore a spalla MB 90 in particolare è perfetto per chi cerca un’ergonomia curata nei minimi dettagli: lo zaino leggero e ben indossabile consente di contenere le oscillazioni ed eventuali vibrazioni e di bilanciare equamente il peso durante il lavoro.



L'impugnatura è inclinabile al fine di agevolare il posizionamento della mano e facilitare la presa del tubo. Il getto può essere regolato fino a 9 posizioni, in modo da scandire al meglio la distribuzione dei liquidi da utilizzare. La manutenzione è semplice e immediata: un’unica chiave, compatibile con tutte le viti della macchina, consentirà di sistemare eventuali problemi.

Articoli correlati

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

13/09/2018

3 segreti per usare il tuo decespugliatore come un ...

Leggi tutto

Novità catalogo / News Prodotti

18/07/2018

Il rinnovato design dei tagliaerba Oleo-Mac

Performance elevate e versatilità d’uso per macchine dall’estetica...

Leggi tutto

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

13/07/2018

3 segreti per innaffiare il giardino a regola d’arte

Leggi tutto