Come potare rami decorativi

Arreda la tua casa con creatività

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

24/11/2020

Tempo di lettura stimato circa 5 minuti

Al parco o nel bosco quante volte ti è capitato di raccogliere da terra un ramo secco dalla forma interessante, una specie di scultura naturale? Hai mai notato quanto sono particolari i rami che il mare lascia sulla spiaggia? Di certo ti hanno colpito per il loro potenziale ornamentale e, allora, perché non sfruttarlo per arredare la casa e per fare dei regali personalizzati, praticamente a costo zero?

Se i rami secchi decorativi stuzzicano la tua fantasia, se hai una passione per il fai da te o una buona manualità, non contare sulla fortuna di trovare per strada dei bei rami. E non comprare dei finti rami secchi in plastica: molto meglio dei rami decorativi in legno vero!

I lavori di potatura in giardino, in campagna o nel bosco sono l’occasione giusta per fare incetta di rami decorativi da usare per le tue creazioni: ne parliamo in questo articolo.

Come creare rami secchi decorativi fai da te

Da novembre a febbraio è, in linea di massima, il periodo migliore per potare le caducifoglie e scegliere, tra i resti della potatura, quelli che diventeranno i rami secchi decorativi fai da te. Puoi scegliere i più armoniosi o i più bizzarri, come i rami di nocciolo che sono così decorativi con la loro forma tortuosa. Ricorda che, prima di usarli, i rami appena tagliati vanno puliti e fatti essiccare in un luogo asciutto e ventilato.

Per tagliare procurati una scala solida e degli attrezzi da potatura manuali affilati, come un seghetto a mano, che va bene per rami fino a 10-15 cm. Quando i rami da recidere sono un po’ distanti, ad esempio nella parte interna della chioma, puoi adoperare il troncarami. Quando, invece, i rami sono alti, per potare senza salire sulla scala puoi optare per un seghetto montato su asta telescopica. Se, però, i rami sono numerosi o grossi o se il legno risulta duro, la motosega è la scelta migliore.

Se scegli la motosega indirizzati verso un modello dedicato: una motosega da potatura compatta e leggera, come la GST 250 da 1 kW di potenza o la GST 360 da 1,5 kW di Oleo-Mac. In alternativa, impiega un potatore telescopico per tagliare in altezza da terra oppure una classica motosega piccola, come la GS 371 da 1,8 kW, perfetta per lavori di piccola potatura.

Come tagliare i tuoi rami secchi decorativi? Se il ramo è grosso segui questi 3 passaggi, altrimenti rischi di “strappare” il legno e rovinare un ramo decorativo promettente:

  • Per prima cosa fai un taglio nella la parte inferiore per circa un quarto/un terzo del suo diametro;

  • Sega la parte superiore finché raggiungi il primo taglio, quindi recidi il ramo;

  • Infine, elimina il pezzo di ramo rimasto tagliando vicino al collare.

Il collare è il punto che collega un ramo al tronco (o a un altro ramo): nelle latifoglie lo riconosci facilmente dal rigonfiamento della corteccia. Come dicevamo, il taglio va fatto vicino al collare, un po’ obliquo rispetto al tronco.

Perché è importante fare attenzione al collare? Da qui la pianta produce il callo di cicatrizzazione che, solo se il taglio è fatto a regola d’arte, con il tempo chiude completamente la ferita. Un taglio troppo lontano dal collare crea un moncone, punto d’ingresso di organismi patogeni; mentre un taglio a ridosso del collare danneggia i tessuti perciò il callo di cicatrizzazione non cresce uniforme, impiega molto tempo a formarsi o, nella peggiore delle ipotesi, non si forma. Se vuoi approfondire le tecniche di potatura, puoi vedere questo nostro articolo su come potare un albero.

Un’opportunità straordinaria per trovare moltissimi rami secchi decorativi per il fai da te è la sramatura di un albero abbattuto. Se sei interessato, leggi il nostro articolo dedicato a sramatura, troncatura e depezzatura dei tronchi.

Quando e come tagliare i rami secchi

Per terra è possibile trovare rami secchi in ogni stagione. Questo perché gli agenti atmosferici (venti o temporali violenti, ad esempio) possono spezzare i rami e anche perché, in genere, le piante si “autopotano” lasciando seccare (e poi cadere) i rami ormai inutili, quelli che non producono più altri rami o foglie, fiori e frutti. Inoltre, dove la vegetazione è molto fitta, come in un bosco, un altro fattore che porta all’autopotatura è la mancanza di luce.

E se non trovi rami da raccogliere? Puoi scovare dei rami secchi da tagliare ancora sull’albero: come abbiamo scritto, gli alberi fanno l’autopotatura isolando i rami non più attivi. E come tagliare questi rami secchi? Valgono le stesse regole viste per i rami vivi: fai attenzione al collare e, in questo caso, anche al callo di cicatrizzazione che – come noterai – la pianta ha già iniziato a produrre.

Qual è il periodo migliore per tagliare i rami secchi dagli alberi? In generale puoi fare la rimonda dei rami secchi tutto l’anno.

Rami decorativi: qualche idea per usarli in casa

Una volta raccolti o potati e fatti essiccare, cosa puoi fare con dei rami secchi decorativi? Web e riviste abbondano di idee fai da te per i rami secchi decorativi da cui prendere spunto. Tutto sta nella tua creatività: armati di pazienza e di pennelli, cementite, colori, glitter, nastri, colla…

Con i rami secchi decorativi puoi realizzare delle composizioni – come quelle floreali – da mettere in un vaso. Per la tua tavola da pranzo puoi creare centrotavola e segnaposto. Con il legno dei rami decorativi abbellisci le pareti; assembli cornici per specchi, foto e quadri; crei sculture da sospendere al soffitto. Con i rami secchi più spessi e robusti costruisci mensole, appendiabiti e, perfino, lampadari.

Con i rami secchi puoi creare anche delle decorazioni natalizie: se hai un ramo particolarmente bello e ricco puoi trasformarlo in un albero di Natale fissandolo a una base d’appoggio e addobbandolo. Con i rametti secchi più sottili e flessibili intrecci delle ghirlande da appendere all’ingresso. Puoi rendere speciale l’atmosfera raggruppando dei rami in fasci e avvolgendoli con fili di luci.

Sempre in tema natalizio, con una motosega da potatura e barra carving potresti cimentarti in una scultura in legno: in questo articolo su come fare sculture con la motosega spieghiamo proprio come intagliare un albero di Natale da un pezzo di tronco.

Articoli correlati

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

24/11/2020

Potatore telescopico: tutti gli usi

Guida all’utilizzo in autunno e inverno

Leggi tutto

Novità catalogo / News Prodotti

10/11/2020

Nuovo soffiatore BV 250

Leggero, confortevole, performante

Leggi tutto

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

21/10/2020

Giardini d’autunno: i lavori per tenerli al meglio

Tutti i lavori per tenerlo al meglio

Leggi tutto